11 dicembre 2011

RANXEROX 1 di Stefano Tamburini e Tanino Liberatore


RANXEROX

di Stefano Tamburini e Tanino LiberatoreEditori del Grifo -1992


Ristampa  del primo volume dedicato al coatto sintetico creato da Stefano Tamburini.
E' in queste pagine un cui vediamo il personaggio svilluparsi in uttta la sua splendida forma grazie alle matite coloratedi Tanino Liberatore, di cui nulla possiamo dire, se non che amiamo in maniera completamente acritica la sua splendida arte.

Ranxerox, androide perfetto, è stato costruito durante l'occupazione di un'università nel 1986 (rovesciamento ironico del 1968) da uno studente fuorilegge. Quando la polizia uccide il suo creatore, il robot dai circuiti impazziti fugge portandosi appresso il folle innamoramento per la tredicenne Lubna, che trova la maniera di rimetterlo in funzione.

Stefano Tamburini e Tanino Liberatore, si incontrano nel 1978 grazie alla comune conoscenza di Andrea Pazienza. E' in quell'anno che Tamburini pubblica sulla rivista Il Cannibale le prime tavole del coatto sintetico; quattro storie in bainco e nero dove anche il Pazienza ci mise lo zampino.
Racconta il Taburini:- Per gli effetti speciali ho usato, come sempre, una fotocopiatrice Rank Xerox 3017". La società produttrice  ci diffidò nel 1980 dall'usare ancora il loro marchio per il fumetto.-
In effetti, la multinazionale riteneva il fumetto osceno e sconveniente e lesivo del buon nome dell'azienda. Bastò cambiare l'ortografia. I racconti di questo volume furono pubblicati per la prima volta sulla pagine di Frigidarie nel 1980. Vai a Frigidaire

Posta un commento
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...