10 novembre 2011

Frank Miller, una biografia

Frank Miller comincia a farsi notare verso la fine degli anni '70. Dopo una manciata di storie per Twilight Zone, pubblica i suoi primi lavori grafici nel 1978 per la DC Comics. Viene notato da Jim Shooter della Marvel e, dopo Spectatular Spider Man, gli affida i disegni di Daredevil con testi di Roger Mckenzie. Ma a Frank Miller il mondo del diavolo rosso va stretto, non solo dal lato grafico, comincia a lavorare sulle trame e successivamente, di fa affidare anche le sceneggiatture da DennisO'Neil.
Con la collaborazione di Klaus Janson, Frank Miller martella i lettori del con storie ciniche ed amorali dove il Daredevil e il suo alter ego cieco Matt Murdock viene inghiottito in una spirale di dolore priva di ogni speranza. Nelle storie di Frank Miller appaiono personaggi affetti da disturbi mentali, tossici minorenni, cannibali dell'underground metropolitano e come se non bastasse, la figura inquietantante, sensuale ed ambigua di Elektra.

Ispirata alle femme fatale care a Will Eisner, la ninja greca diventa uno dei personaggi più amati dell'universo Marvel ( Elektra Assassin disegnato da Bill Sienkiewicz, non è un semplice fumetto, ma un vero e proprio capolavoro di pop art). Ma nonostante tutto questo, ad un tratto Miller decide di ucciderla in un racconto struggente zeppo di drammaticità senza ritorno. E' qui che forse si pongono le prime basi del fumetto di fine millennio, Miller abbandona le innocenze tipiche del comics da teen-agers e comincia a produrre opere che abbracciano un futuro incerto, spesso privo di speranza e redenzione.

Siamo nei primi '80 quando Frank Miller fonde il fumetto europeo alla Moebius con i segni grafici del giapponese Lone Wolf & Cub nelle tavole di Ronin: dove per una sorta di strana metempsicosi un samurari disonorato si ritrova in un futuro barbaro ed ostile minacciato da un demone con desideri di onnipotenza. Nel 1985 continua ad accanirsi su Matt Murdock in Daredevil: Born again, dove l'avvocato cieco perde la fidanzata che cade nel giro della droga e pornografia, prede la sua carriera professionale e tutti i suoi amici; ma proprio quando il mondo sembra proprio tutto a rotoli, ecco che la sua volontà lo fa risorgere e quindi scoprire d'essere caduto vittima di un complotto ordito dal suo nemico di sempre: Kingpin.

Batman il cavaliere oscuro è del 1986, mentre Daredevil: Love and war ed Elektra assassin disegnati da Bill Sienkiewickz sono del 1987, come lo è Batman Anno Uno disegnato da un magico Mazzucchelli: il lavoro che più di ogni altro ha influenzato profondamente tutti coloro che hanno lavorato sull'uomo pipistrello, da Tim Burton a Chistopher Nolan, da Grant Morrison a James Robinson.

Dopo questo periodo che lo rende famoso per la sua capacità narrativa, lavora per il cinema scrivendo Robocop 2 e 3, con Dave Gibbons realizza la geniale favola di Martha Washington in Give me liberty: che in italia esce in 4 albi dallo stesso titolo e successivamente si completa con Martha Washington va alla guerra e Martha Washington salva il mondo, tutti e tre entusiasmanti.

Con il designer di The Matrix, Geof Darrow, crea Hard Boiled e The Big Guy and Rusty the Boy Robot. Hard Boiled sviluppa nelle sue tavole tutte le tematiche care a P.K.Dick in un futuro distopico dove detective tristi si ritrovsno ad affrontare vicende di famiglie stranamente felici. The Big Guy and Rusty the Boy Robot è una sorta di omaggio ai manga, certamente è un sincero omaggio a Osamu Tezuke.

E' dopo queste esperienze che Miller segna un'altre pietra miliare nella storia del fumetto con Sin City dove
riprende alla grande lo stile noir anni 40; subito dopo ecco l'epica avventura spartana di 300.


Infine, Miller è ritornato al Cavaliere Oscuro con Il Cavaliere Oscuro colpisce ancora e quindi ha stracciato ogni record di vendita con All Star Batman & Robin  the Boy Wonder; ha diretto la sua versione cinematografica dello Spirit creato da Will Eisner, ed ha realizzato diversi volumi ambientanti nella sua amata Sin City. Per oggi con la biografia di Frank Miller ci fermiamo qui, tanto sappiamo che, sicuramente, avremo occasione di aggiornarla.
Posta un commento
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...