15 ottobre 2011

STAR WARS: Squadriglia Rogue Ala X - Requiem per un Rogue

STAR WARS: Squadriglia Rogue Ala X - Requiem per un Rogue - Magic Press - Aprile 2003

Di seguito, l'introduzione all'albo scritta da John Morton che interpretava l'artigliere di Skywalker ne L'impero colpisce ancora.

Requiem per un Rogue vi racconterà di un sacrificio per scongiurare l'ennesima minaccia personificata dal megalomane devroniano Cartariun corrotto dal malvagio potere dei Sith. E attraverso la storia dei piloti Dllr e Herian cercherà di spiegarvi cos'è la solidarietà tra due diverse specie nell'universo di Star Wars.

Questo volume di Squadriglia Rogue cattura lo spirito della ribellione esattamente come facevano gli altri. Ognuno di questi rappresenta molto più delle seppur magnifiche scene d'azione nelle quali coraggiosi astropiloti si confrontano contro frotte di caccia Tie. Gli ottimi illustratori riescono a portarvi fin dentro la carlinga dei caccia, ma e Michael A.Stackpole che rende  tridimensionali i Rogue, calandoli di volta in volta in nuove avventure sempre più coinvolgenti che arricchiscono la storia e la rigida continuity dell'universo di Star Wars.

Squadriglia Rogue Ala-x riproduce in un contesto futuristico i conflitti e i turbamenti della nostra epoca, l'eterna lotta tra il bene e il male, sia tra due opposte fazioni ai margini della galassia, sia quando avviene nell'animo umano. L'arte imita la vita. Ma molto spessso è la vita ad imitare l'arte.

Dalla Rivoluzione Russa sino alla Seconda Guerra Mondiale, ai turbolenti anni '60, questo conflitto ha profondamente cambiato tutta la storia. George Lucas e quelli di noi che stavano a Hot nella primavera del '79 erano in un certo senso figli degli anni '60, un periodo pieno di conflitti sociali ma anche di cameratismo. Alcuni si misero un uniforme e prestarono servizio nell'esercito. Altri protestarono dietro le barricate. Verso la metà degli anni sessanta qualcuno trovò la sua strada a Londra, ognuno con la sua individualità e la sua storia da raccontare, proprio come i Rogue. I piloti di allora, ai tempi de L'impero colpisce ancora, sentivano lo stesso spirito che poi altri Rogue avvertirono su Brentaal, su Oradin e sulla Home One.

Ricordo il primo giorno, quando Dennis Lawson era sul set di Elstree. Era il ritorno di un eroe. Dennis conosceva un sacco di attori inglesi e aveva lavorato con la troupe ai tempi di Star Wars: Una nuova Speranza. Glia altri di noi avevano lavorato in altre produzioni, a Londra per lo più. Io conoscevo Chris Malcolm (Zev) che aveva lavorato alla versione originale del Rocky Horror Pictures Show, John Ratzenburger (Maggiore Darlin), Jack Mackenzie ( un ufficiale ribelle) ed io avevamo fatto Quell'ultimo ponte...


Il resto dell'introduzione te lo trovi nel prossimo post.
Posta un commento
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...